top of page
Cerca
  • Gruppo Sadel

L’obesità potrebbe accelerare la disabilità quando la SM colpisce

L’obesità non è mai sana e ciò può essere particolarmente vero per le persone che sviluppano anche la sclerosi multipla.

I soggetti obesi affetti da SM probabilmente noteranno un rapido peggioramento della disabilità correlata alla malattia, hanno affermato i ricercatori tedeschi che hanno seguito più di 1.000 pazienti in un nuovo studio.

La perdita di peso, hanno suggerito, potrebbe aiutare a rallentare la progressione della malattia.

“I risultati di questo studio sollevano importanti domande sul ruolo di un livello elevato dell’IMC (indice di massa corporea) sui meccanismi che guidano la disabilità neurologica nella SM”, ha affermato la Dott.ssa Fiona Costello, professoressa di neurologia presso la Cumming School of Medicine dell’Università di Calgary in Canada.

L’obesità è correlata a un rischio maggiore di sviluppare SM, ha affermato. “Quello che non è stato chiaro è come l’obesità sia collegata alla gravità della malattia e alla progressione della disabilità nei soggetti affetti da SM. Tuttavia, una grande quantità di letteratura pubblicata ha dimostrato che le associazioni deleterie delle malattie con l’obesità non sono esclusive della SM”.

L’obesità è già stata collegata a un aumento del rischio di cardiopatia e diabete di tipo 2, nonché di deficit cognitivo e demenza, ha affermato Costello, che non ha partecipato allo studio.

I ricercatori hanno osservato che questo studio non può dimostrare che l’obesità acceleri una maggiore disabilità nei pazienti con SM, ma solo che i due aspetti sembrano essere collegati.

Tuttavia, “raggiungere un peso normale è probabilmente vantaggioso per le persone affette da SM”, ha affermato il Dott. Asaff Harel, direttore del centro per la sclerosi multipla presso il Lenox Hill Hospital di New York City, che non ha svolto alcun ruolo nella ricerca.

La SM è una malattia autoimmune che colpisce il sistema nervoso centrale. Può causare disabilità permanente o persino il decesso e non esiste una cura. I sintomi di solito iniziano tra i 30 e i 40 anni.

Il personale dello studio è stato guidato dal Dott. Jan Lunemann, professore di neurologia presso l’Università di Munster. I ricercatori hanno raccolto dati su 1.066 pazienti con SM recidivante-remittente che hanno partecipato a uno studio tedesco sulla SM a livello nazionale.

Quando è stata diagnosticata la SM, il 15% dei pazienti era obeso, il che significa che avevano un IMC pari o superiore a 30. Quasi il 7% soffriva anche di diabete di tipo 2 o ipertensione arteriosa, condizioni legate all’obesità. I ricercatori hanno controllato i livelli di disabilità dei partecipanti ogni due anni nell’arco di sei anni.

Sebbene i pazienti obesi non avessero un tasso di recidiva maggiore o un danno nervoso maggiore nel corso dello studio, presentavano una maggiore disabilità al momento della diagnosi. I ricercatori hanno scoperto che i loro livelli di disabilità sono cresciuti più velocemente di quelli delle persone che non erano obese.

I pazienti obesi hanno raggiunto un livello più alto nella Expanded Disability Status Scale in poco meno di 12 mesi, rispetto a quasi 18 mesi per coloro che non erano obesi. I ricercatori hanno scoperto che i pazienti con obesità avevano anche più del doppio delle probabilità di raggiungere questo livello più elevato di disabilità entro sei anni, indipendentemente dai farmaci con cui erano trattati.

I pazienti in sovrappeso ma non obesi non presentavano un rischio maggiore di disabilità. “La nostra scoperta che l’obesità, ma non il sovrappeso nei pazienti con SM, è associata a esiti peggiori suggerisce un effetto soglia della massa corporea sull’accumulo di disabilità nella SM”, hanno scritto i ricercatori.

“Questi dati suggeriscono che dovrebbe essere esplorata una gestione dedicata dell’obesità per il suo potenziale merito nel migliorare gli esiti clinici a lungo termine dei pazienti con diagnosi di SM”, hanno aggiunto.

La gestione del peso deve essere esplorata come un fattore di rischio potenzialmente modificabile per la progressione della disabilità nei pazienti con SM, ha affermato Costello.

“È logico che per qualsiasi individuo, con o senza SM, lavorare per raggiungere il miglior IMC possibile gioverà alla sua salute generale, soprattutto perché la disabilità motoria e il declino cognitivo, che sono indipendentemente co-associati all'obesità, sono sfide e timori per le persone che convivono con la SM”, ha affermato.

Le conversazioni tra operatori sanitari e pazienti affetti da SM sul peso corporeo devono essere affrontate con un riconoscimento onesto su ciò che sappiamo e non sappiamo sulle molte implicazioni dell’obesità, ha affermato Costello.

Inoltre, “le discussioni incentrate sul paziente devono essere gestite con sensibilità, tenendo presente che la percezione dell’immagine corporea è una parte importante della salute e del benessere”, ha aggiunto.

Harel ha affermato che diversi studi hanno dimostrato che l’obesità è un fattore di rischio per lo sviluppo della SM e alcuni hanno suggerito che l’obesità è associata a esiti peggiori della SM.

“Non comprendiamo con precisione la fisiopatologia di tutto questo”, ha affermato. “Il trattamento della SM non riguarda esclusivamente gli agenti modificanti la malattia. Si dovrebbe avere una visione olistica, poiché l’esercizio fisico regolare, una dieta sana e un sonno adeguato probabilmente influiscono sulla gravità della SM”.

Il rapporto è stato pubblicato online il 1° novembre sul Journal of Neurology, Neurosurgery & Psychiatry.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Post: Blog2_Post
bottom of page