top of page
Cerca
  • Gruppo Sadel

La ionoforesi: definizione e trattamento

La ionoforesi è una tecnica di somministrazione farmaceutica per via transcutanea che sfrutta la corrente continua. La corrente continua a bassa intensità (circa 5/10 milliampere) viene erogata da un generatore che crea un campo elettrico e la trasmette ai due elettrodi collocati sull’epidermide in corrispondenza della zona da trattare. Questo tipo di trattamento viene anche definito “iniezione senza ago”, per la particolare tipologia di somministrazione dei farmaci.

Nella ionoforesi il farmaco da somministrare viene applicato sull’elettrodo corrispondente alla sua polarità, ad esempio per curare l’artrite e il gonfiore muscolare si impiega l’acetilsalicilato di lisina che ha una carica negativa, di conseguenza verrà posto sull’elettrodo negativo.

La corrente continua veicolerà il farmaco ionizzato verso il polo opposto per facilitare un rapido e immediato assorbimento. Prima di eseguire il trattamento tramite ionoforesi la zona da trattare viene pulita e sgrassata per facilitare l’applicazione degli elettrodi e solitamente ogni seduta ha una durata di circa 20-30 minuti.





Per quali patologie è indicata la ionoforesi

La ionoforesi per i suoi innumerevoli vantaggi terapeutici viene utilizzata per la cura di diverse patologie, principalmente viene impiegata per alleviare il dolore di alcune malattie muscolari come artrosi, artrite, sciatica e strappi muscolari. In campo odontoiatrico viene usata per anestesie superficiali, profilassi anticarie, nei trattamenti endocanalari e per ridurre la sensibilità dentinale e cura delle gengiviti.

La somministrazione farmacologica tramite ionoforesi è molto efficace per curare l’iperidrosi (sudorazione eccessiva) delle mani, dei piedi, del viso e delle ascelle. Trova applicazione anche in campo estetico per ridurre la cellulite, infatti tramite questo trattamento si penetra direttamente nel derma eliminando gli inestetismi della pelle. La ionoforesi non presenta particolari controindicazioni ma è sempre opportuno consultare un medico prima di sottoporsi ad una seduta, in ogni caso è sconsigliato l’impiego nelle donne in gravidanza, nei soggetti che presentano lesioni cutanee o che soffrono di aritmia cardiaca.


I benefici della ionoforesi

La ionoforesi è un tipo di trattamento farmacologico che presenta diversi vantaggi, in primis è molto utile per i pazienti che devono eseguire trattamenti in modo sistemico che interessano l’epidermide, riducendo nettamente i tipici effetti collaterali di questa somministrazione.

Con la ionoforesi il farmaco viene somministrato direttamente nella zona interessata, favorendo il rapido assorbimento e accelerando i tempi di guarigione. Rispetto alla somministrazione epidermica tramite iniezioni, la ionoforesi non provoca nessun dolore, solo un leggero ma subitaneo formicolio durante il trattamento.


Un altro beneficio della ionoforesi è la possibilità di somministrare un farmaco puro, senza eccipienti, riducendocosì l’insorgenza di allergie e infiammazioni. Le dosi di farmaci somministrati tramite ionoforesi sono minori rispetto ai trattamenti tradizionali, visto che vengono veicolati direttamente sulla zona dolorosa.

Durante il trattamento con ionoforesi si aumenta la cosiddetta soglia di eccitabilità, riducendo immediatamente il dolore.

7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commenti


Post: Blog2_Post
bottom of page